Qual È La Moneta Della Brexit?

Il 1° febbraio 2020 il Regno Unito è ufficialmente uscito dall’Unione europea, dopo due votazioni (un referendum e una votazione di governo) e una lunga lotta politica e mediatica che gli inglesi hanno dovuto subire.

Il Regno Unito ha realizzato per l’evento della Brexit, una moneta commemorativa valida anche per la circolazione, da 50 penny. Una faccia reca l’effige della Regina Elisabetta II come le altre monete da 50 centesimi di sterlina e una faccia reca la scritta “Peace, prosperity and friendship with all nations”.

Tradotta in italiano, la scritta significa “pace, prosperità e amicizia con tutte le nazioni”. Analizziamo la moneta e cerchiamo di far luce ciò che gira intorno alla Brexit…

La Decisione della Brexit

Non si può fare in questa sede un discorso approfondito sulla Brexit, ma si può asserire che lo scontro tra il “leave” e il “remain” è stato veramente duro e lungo.

A favore del leave vi erano persone stufe di essere alle dipendenze dell’Unione europea con annessi vincoli economicamente non convenienti per la fetta più larga della popolazione dello Stato inglese. In aggiunta, seppur di rilevanza minore, una politica europea assente per quel che concerne l’immigrazione e la gestione della stessa.

A favore del remain, una larga fetta di politici e dei media che hanno tentato disperatamente in ogni modo di influenzare l’esito del referendum ottenendo pure una seconda votazione di governo, nel patetico tentativo di manovrare i cittadini inglesi come marionette nella speranza che eleggessero un partito pro remain che avrebbe di conseguenza portato ad un secondo referendum sulla Brexit.

Chi ha promosso il remain era principalmente coinvolto o finanziato da entità come grandi banche d’affari e potenti lobby e multinazionali. Di conseguenza faceva i loro interessi. Per nulla in linea con gli interessi dei cittadini britannici.

C’è da considerare che da un po’ di tempo, il pensiero unico dominante, imposto dai media mainstream e da politici senza scrupoli, sta gradualmente perdendo potere, collezionando un patetico fiasco dopo l’altro.

La vittoria della Brexit con il “leave” prima e l’elezione di Boris Johnson poi, sono solo un paio di esempi dei fallimenti di un establishment sempre più alla frutta.

Potremmo anche citare il referendum in Italia di Renzi per modificare la Costituzione, fallito miseramente nonostante i vari tentativi di orchestrare gli esiti influenzando le masse con anche l’appoggio dell’ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, le elezioni americane del Presidente Trump nonostante i brogli elettorali in favore della Clinton, anch’esso si rivelò un imbarazzante fallimento, ecc.

La Moneta della Brexit

Questa moneta ha un valore facciale di 50 penny, ha un diametro di 27,3 millimetri ed un peso pari ad 8 grammi. Quella per la circolazione è realizzata in cupro-nickel. Questa versione si trova anche fior di conio in apposito cofanetto.

La versione per collezionisti in argento fondo specchio è titolato a 925 / °°° ha sempre un diametro di 27,3 millimetri, un peso di 8 grammi ed ha una tiratura di 47.000 pezzi.

La versione per collezionisti in oro è titolato a 22 carati e quindi a 916,7 / °°° ed è in oro rosa fondo a specchio. Il diametro è di 27,3 millimetri e il peso di 15,5 grammi. La tiratura di questa moneta è di soli 1.500 esemplari, la cui quotazione è già alle stelle.

Dal Lancio Al Rilancio Della Moneta

La moneta Brexit da 50 penny è una moneta che è stata coniata per segnare l’uscita prevista del Regno Unito dall’Unione Europea il 31 ottobre 2019. La coniazione della moneta Brexit è stata richiesta da Sajid Javid per un totale di 10 milioni di monete Brexit. 

Ognuna di queste monete con la data del 31 ottobre 2019. Alla fine di ottobre 2019, con crescenti dubbi sul fatto che la Brexit sarebbe effettivamente avvenuta in quella data, il conio delle monete è stato sospeso.

Alla fine di ottobre 2019 è stato annunciato che le monete sarebbero state riciclate poiché il Regno Unito non avrebbe lasciato l’Unione europea il 31 ottobre 2019. Un portavoce del Tesoro ha dichiarato che sarà ancora prodotta la moneta per commemorare la Brexit, ma che entrerà in circolazione dopo che il Regno Unito sarà ufficialmente uscito dall’UE.

La moneta è incisa con una citazione di Thomas Jefferson, “Pace, prosperità e amicizia con tutte le nazioni”. La mancanza di una “virgola” detta “Oxford Comma” è stata criticata da alcuni, tra cui l’autore Philip Pullman.

Nel dicembre 2019 è stato annunciato il rilancio della moneta Brexit da 50 penny dopo la vittoria del Partito conservatore nelle elezioni generali.

È stato dichiarato che delle versioni d’oro e d’argento delle monete saranno disponibili per la gioia dei collezionisti. Nel gennaio 2020 Downing Street ha annunciato che le monete avrebbero iniziato a circolare il 31 gennaio 2020.

Il Caso Della Virgola Di Oxford

Conosciuta anche come virgola seriale, la virgola Oxford deriva il suo nome comune dall’uso da parte della Oxford University Press (in sigla: OUP).

La guida di stile dell’OUP afferma: “In un elenco di tre o più elementi, inserire una virgola prima di ‘e’ o ‘o’.” Ed elenca l’esempio: “Rosso, bianco, e blu”.

La guida di stile dell’Università di Oxford offre una visione più sfumata, affermando che “non esiste una virgola tra il penultimo elemento in un elenco con “e” ed “o”, a meno che non sia necessario per evitare ambiguità”. Tuttavia, dice di inserire sempre una virgola in questa posizione se aiuta a prevenire la confusione.

Interpellata, l’Università di Cambridge è d’accordo. Come afferma la sua guida di stile: “Una virgola di Oxford viene utilizzata prima di un “e” alla fine di un elenco e viene utilizzata per evitare ambiguità”.

L’autore della monete chiede il boicottaggio della moneta Brexit per l’errore grammaticale in essa consentito. Nei social, gli artisti del web si sono scatenati facendo satira e reinterpretando la moneta inserendo frasi come per esempio “division, poverty, and exclusion from all nations”.

L’assenza della virgola è stata attribuita a significati nascosti, che hanno fatto lavorare la fantasia di numerosi creativi e persone comuni. Per esempio, qualcuno ha associato la mancanza della virgola alla mancanza di solidarietà da parte dell’Unione europea. Altri l’hanno associata alla mancanza di volontà nell’attuare la Brexit (per il fatto che il processo per l’attuazione è stato lungo e pieno di intoppi, durato 4 anni), e così via…

Un Errore Che Vale

Come abbiamo già detto in altri articoli, a volte le monete coniate presentano errori, rendendole rare e molto ricercate dai collezionisti di tutto il mondo. Anche la zecca inglese “The Royal Mint” non fa eccezione. Non si tratta dell’errore grammaticale voluto…

Nella rosa di monete con errori, così tanto richieste e amate, rientra anche il 50 penny della Brexit. Questo a causa dei lanci e rilanci avvenuti che hanno fatto sì che si creassero monete Brexit con data sbagliata.

Anche se quelle con data errata sono state fuse e riciclate, questo processo macchinoso ha facilitato la “fuga” di alcune monete con la data della Brexit inesatta. Si prevede che uno di questi lotti di monete Brexit coniate al 31 ottobre diventeranno oggetti da collezione. Il cui valore può diventare sicuramente interessante.

Nigel Farage, il Precursore Della Brexit

Nigel Farage, politico britannico leader del “Brexit party” a Gennaio parlò ai microfoni italiani a proposito della situazione italiana.

N. Farage ha dichiarato: “Per me ha dell’incredibile che il vostro Presidente del Consiglio Conte sembra essere totalmente a favore dell’Unione europea, nonostante rappresenti due partiti che ne sono critici. Non capisco. Non capisco proprio. Non capisco proprio come Conte possa essere il vostro Presidente del Consiglio”.

Recentemente Farage si è rivolto di nuovo all’Italia rispondendo ad alcuni giornalisti italiani che hanno sollevato l’argomento della crisi in Italia creata dalla politica italiana ed europea connessa al coronavirus, chiedendo il suo pensiero.

Farage ha asserito: “È ora che gli italiani aprano gli occhi”. “L’Unione europea altro non è che l’edificazione di una base di potere a Bruxelles, con una propria bandiera, un proprio inno e la futura costituzione di un esercito. L’UE vuole diventare una superpotenza. I paesi del mediterraneo sono stati ivitati ad aderire all’UE e come conseguenza di questo hanno pagato un prezzo troppo alto negli ultimi 20 anni. E se pensate che in questo momento di bisogno, l’Europa vi mandi degli aiuti, questo non avverrà”.

Nell’intervista, Farage ha poi proseguito sollevando tutta la sua delusione nel Movimento 5 stelle, che da contro establishment è diventato a favore dell’establishment, tradando tutti i suoi ideali, i valori e le promesse politiche. Ha affermato anche che secondo lui, in Italia si arriverà all’Italexit, prima o poi. Se questo è vero, solo il tempo ce lo dirà…

Conclusioni

Il Regno Unito ha rilasciato una moneta da 50 centesimi di sterlina per commemorare la Brexit. È una moneta in uso per la circolazione in cupro-nickel e venduta fior di conio anche in apposite confezioni. Esiste anche la versione in argento e quella in oro, entrambe fondo a specchio e per i collezionisti.

Vi è un lotto di monete “Brexit” recante la data sbagliata, sfuggito al processo di riconversione dopo il primo errato lancio della moneta. Se hai una moneta Brexit con data “ottobre” può valere diversi soldi ed è già partita la caccia al tesoro tra i collezionisti.

L’assenza della virgola di Oxford nella frase presente nella moneta della Brexit, ha sfogato in indignazione da parte dei puritani della grammatica e la fantasia dei creativi e degli indagatori del mistero.

Davide Z.

Laureato in “Comunicazione per le imprese mediali e la pubblicità”, Davide ha trascorso un periodo della sua vita in Slovenia dove si è occupato di scrittura e di realizzazione di contenuti creativi per il web, grazie ad una borsa di studio Erasmus+. Ha frequentato un corso di formazione professionale dedito alla sceneggiatura. È esperto nella realizzazione di prodotti audiovisivi per ragazzi e adolescenti, destinati ai canali web e televisivi.

Recent Posts